Skip to content

Come raggiungere l’obiettivo “zero difetti”

7 ottobre 2013

Vi presento in questo post un’articolo dedicato al tema e all’approccio per raggiungere l’obiettivo “difetti=0”.

Shingeo Shingo, esperto giapponese e consulente per i problemi della qualità amava definirsi Ingegner Miglioramento ed è stato uno strenue difensore del concetto “zero difetti” applicando una metodologia che va sotto il nome di poka-yoke (ovvero a “prova di errore”).

Il ragionamento è semplice: se non vogliamo dei prodotti difettosi dobbiamo progettare il prodotto e il processo produttivo in modo che esso sia “a prova di errore”.

I lavoratori sono esseri umani e possono sbagliare, la conseguenza dell’errore è il difetto. Quindi la prevenzione dell’erroe e del difetto sono l’unica strategia possibile per avere un prodotto controllato al 100%.

Diceva Shingo “la mia medicina funziona solo se il paziente la prende”. Scarica la guida completa al poka-yoke: parte 1 e parte 2.

Chi era Shingeo Shingo.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: